Sicurezza nei Luoghi di Lavoro: Norme per le PMI

La sicurezza nei luoghi di lavoro è un tema essenziale per le piccole e medie imprese, non solo dal punto di vista etico ma anche dal punto di vista legislativo: secondo le regole del D.lgs. 81/2008, sono molti gli elementi da attenzionare sul suddetto tema e ai quali i cantieri di tutte le categorie di impresa servono conformarsi per agire in sicurezza e secondo la conformità della legge.

La sicurezza sul lavoro secondo il decreto legislativo 81/2008 è sempre stato uno dei temi più discussi in Italia: ultimamente sono stati molti i casi di morti sul lavoro o di incidenti di cui ancora devono essere determinate cause e vere responsabilità, nonché fare ulteriori accertamenti circa la conformità della sicurezza con le norme legislative imposte.

La sicurezza sul lavoro è un’esigenza primaria e sono sempre di più i consulenti della sicurezza del lavoro come quelle di agenzia sicurezza sul lavoro a Torino e in qualsiasi altra città italiana, che si occupano di consigliare alle PMI le giuste strategie da applicare, su base normativa, nel caso specifico della loro impresa o della loro attività.

I settori devono dunque conformarsi alle regole e , in virtù di tale decreto e delle integrazioni degli anni successivi, anche la formazione per dirigenti e dipendenti è diventata obbligatoria in tutti i comparti del lavoro: si tratta di una strategia utile per fare in modo che tutti i membri di un’azienda o di un’impesa -soprattutto se operanti in contesti edilizi o di particolare pericolosità -siano consci non solo dei rischi ma anche di tutti i protocolli di sicurezza necessari per ogni caso di specie.

La salute e la sicurezza del lavoro dunque sono prerogative fondamentali che devono entrare all’interno della cultura italiana, al fine di dare a tali temi un’importanza prioritaria quando si parla di rischi sul lavoro soprattutto quando si ha a che fare con macchinari pesanti o la sicurezza di impalcature edilizie.

Sicurezza e norme per le PMI: regole e legislazione

Il testo unico sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, racchiuso nelle sue norme nel D.lgs. 81/2008 riporta informazioni essenziali per le piccole e medie imprese: contiene ben 286 articoli e parte da criteri di carattere generale sulla sicurezza che è necessario comprendere per bene prima di addentrarsi all’interno delle dichiarazioni normative specifiche.

L’obiettivo è stato quello di garantire una sicurezza essenziale e uniforme per tutte le Piccole e Medie Imprese sul territorio nazionale; il decreto legislativo comprende varie tematiche principali tra le quali sono indicate regole specifiche che riguardano:

  • i luoghi di lavoro
  • l’uso delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale
  • un approfondimento sui cantieri temporanei o mobili
  • segnaletica di salute e sicurezza sul lavoro
  • movimentazione manuale dei carichi (pesanti)
  • attrezzature munite di videoterminali
  • agenti fisici
  • sostanze pericolose

Ogni punto fa riferimento ad un capitolo specifico del decreto, e approfondisce le suddette tematiche in un’ottica legislativa che va interpretata al meglio grazie all’aiuto dei consulenti della sicurezza sul lavoro e concretizzata nel caso specifico della propria azienda.

Un ruolo fondamentale è anche giocato dall’attività RSPP, adottata anche dalle agenzie di sicurezza sul lavoro di Torino: la pratica di consulenza RSPP esterno a Torino è infatti dedicata ai datori di lavoro sulle tematiche comuni derivate dalle valutazioni rischio sul lavoro a Torino che riguardano dunque gli aggiornamenti sul valore delle normative antincendio o del primo soccorso, nonché la gestione di tutta la documentazione correlata, al fine di rendere i luoghi di lavoro dei contesti sicuri.

In questo caso secondo decreto normativo, infatti, il ruoli determinanti sono quelli del datore di lavoro e del dirigente sul lavoro: quest’ultimo infatti deve provvedere all’attuazione delle direttive del datore di lavoro per vigilare e sovrintendere all’attività lavorativa insieme ad un’altra figura, il preposto.

PMI e regole: ulteriori approfondimenti sulle parti in gioco

Tra le figure che giocano un ulteriore ruolo determinante nella gestione della sicurezza sul lavoro tra le piccole e le medie imprese c’è il responsabile del servizio di prevenzione e protezione che ha requisiti unici per rispondere allo scopo di coordinare il servizio di prevenzione dai rischi sul lavoro, affiancato dagli addetti della prevenzione e protezione.

Non manca poi la figura del medico competente opportunamente formato per collaborare col datore di lavoro al fine di stilare un’attenta analisi dei protocolli procedurali per la prevenzione dei rischi di salute sul luogo di lavoro e addetto alla loro sorveglianza sanitaria.

In ultima analisi non manca il rappresentante dei lavoratori, ossia colui che ha il compito di segnalare qualsiasi problematica sulla sicurezza e sulla salute nei contesti specifici di lavoro.

In definitiva, sono molte le regole distinte dal decreto legislativo 81/2008 il quale negli anni è stato opportunamente aggiornato anche per fare spazio a nuove scienze relative della sicurezza, compreso l’utilizzo di software e tecnologie digitali: sebbene il problema della sicurezza del lavoro sia ancora attuale, le regole e le normative in Italia cercano di aggiornarsi costantemente.

Valutazione Stress Termico in Ambienti di Lavoro

Lo stress termico in ambienti di lavoro è un fattore fondamentale da valutare, soprattutto se l’attenzione è volta al benessere dei lavoratori all’interno degli ambienti preposti allo svolgimento delle loro mansioni: per quanto possa essere stato emanato già un decreto sulla sicurezza e sul benessere nei luoghi di lavoro -noto anche come decreto legislativo n.81 del 2008– all’interno di esso non sono state stabilite delle norme di base sull’importanza della valutazione dello stress termico.

La temperatura da mantenere è fondamentale per fare in modo che ogni dipendente che lavora all’interno di una struttura – o all’aperto- stia bene e che sia produttivo al 100% senza accusare alcun tipo di malessere: in tal senso infatti, l’aumento delle temperature atmosferiche e le estati sempre più torride, mettono a dura prova il lavoratori mettendo sotto stress il loro benessere fisico.

L’INAIL, ossia l’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, ha svolto un ruolo chiave nella chiarificazione degli aspetti che riguardano l’impatto dello stress termico sul lavoro e sulle conseguenze di quest’ultimo sull’attività e sulla produttività dei dipendenti; inoltre, l’eccessivo calore potrebbe anche aumentare i fattori di rischio correlati allo svolgimento dei mestieri, causando anche possibili infortuni.

In questo senso infatti, è possibile che un lavoro possa sperimentare un senso di malessere per questo è fondamentale, per l’appunto, perseguire il raggiungimento di un comfort termico valido che permetta di effettuare una valutazione sul microclima della sede considerando eventuali fattori come calore, temperatura, umidità, livelli d’altura, esposizione agli agenti atmosferici e tanto altro.

Stress Termico e Tutela del Lavoratore

Per fare in modo che l’eventuale stress termico non impatti negativamente sul benessere dei lavoratori, è necessario che si faccia opportuna prevenzione e che vengano stabilite delle regole precise: proprio per questo è necessario, fare previamente una mappatura delle aree a rischio in cui la temperatura termica potrebbe raggiugere picchi considerevoli e inficiare incisivamente sulla salute dei lavoratori.

I fattori presi in considerazione al fine di valutare esattamente i possibili rischi partono dal riferimento della temperatura climatica associata comunque anche al tipo di mansione che viene svolta dal lavoratore, dallo sforzo fisico impresso continuativamente durante le ore di lavoro e molto altro: è necessario dunque che ogni titolare d’azienda sia assolutamente informato sulla possibile percentuale di rischio anche in base a dove sorge la sua impresa -o l’ufficio- di riferimento.

Se lo stress termico è particolarmente elevato e lo è anche la mole di lavoro e lo sforzo fisico del lavoratore durante l’ottemperanza delle sua mansioni, potrebbero essere emanate delle ordinanze di sospensione del lavoro -ad esempio durante le ore più calde- oppure delle allerte che avvisano sul possibile rischio sulla salute.

Al fine di garantire una più corretta prevenzione circa la prestazione del servizio di ogni dipendente, un fattore utile di aiuto potrebbe essere quella di organizzare in maniera differente le turnazioni di lavoro, in maniera tale che i lavoratori possano prendere delle pause e gestire dunque un ciclo di produttività e di riposo propedeutici al mantenimento del proprio benessere.

Stress Termico e Sicurezza sul Lavoro: Le Contromisure

Per quanto concerne l’eventuale prevenzione dello stress termico abbiamo già visto come si integrano i sistemi di segnalazione dei fattori di rischio e come vengono valutati, ma sarebbe anche necessario determinare una panoramica delle possibili contromisure da rendere note a tutti i proprietari di aziende e imprese nel caso in cui dovessero verificarsi dei malesseri e degli infortuni.

Innanzitutto, fare in modo che ogni dipendente possa mantenere una corretta idratazione, è assolutamente essenziale: proprio per questo è necessario che vengano messi a disposizione dei rifornimenti d’acqua adatti al raggiungimento di tale scopo sia che si parli di un ambiente lavorativo più protetto come quello di un ufficio, sia che si tratti di luoghi di lavoro più esposto come le centrali all’aria aperta o sui campi per il lavoro agricolo.

In questo caso Net Srl azienda leader della sicurezza sul lavoro a Torino si occupa di offrire consulenza a tutti quei datori di lavoro che hanno la necessità di conformarsi alle norme dell’INAIL consigliando un preposto Torino addetto alla vigilanza del comportamento dei dipendenti e dell’ottemperanza delle norme di prevenzione e di sicurezza, nonché di fare in modo che ogni azienda abbia sempre un servizio assicurato di sorveglianza sanitaria per i dipendenti.

Proprio per questo di norma viene anche nominato un medico del lavoro che sia un punto di riferimento per le aziende pronto a intervenire in caso di bisogno, o a effettuare opportuni accertamenti sul benessere fisico dei dipendenti nel tempo.

Fronteggiare dunque i rischi relativi alle possibili ondate di calore, ormai sempre più frequenti, è necessario e per farlo è obbligatorio conformarsi alle soluzioni dichiarate dall’INAIL in merito a tale tema per evitare infortuni sul lavoro o possibili malesseri che potrebbero risultare anche fatali per soggetti in età più avanzata o più fragili: per farlo è necessario che ogni realtà elabori un piano utile aziendale adatto a riorganizzare il lavoro soprattutto durante le stagioni più calde e a rischio.

Consigli per una Gestione Efficace del D.P.O. Aziendale

Il D.P.O. aziendale, ormai, è una figura cardine all’interno delle aziende già avviate: si tratta di un acronimo che si riferisce alla figura di un professionista specializzato conosciuto anche come Data Protection Officer il quale è ormai riconosciuto, anche con norme vigenti a livello europeo, come il responsabile della protezione dei dati aziendali e deve seguire le norme dichiarate dal GDPR.

Questa particolare figura in realtà è stata normativizzata in epoca abbastanza recente ed è necessario che ogni azienda nomini una figura professionale che risponda alle mansioni del profilo, in maniera tale da progettare, insieme a quest’ultimo, un preciso programma di protezione dei dati in maniera efficace.

La necessità della creazione di una figura professionale come quella del D.P.O. risiede nell’esigenza delle aziende e delle imprese di avvalersi dell’ausilio di un competente del settore che permetta a tale realtà di operare -e di gestire i dati- in maniera sicura, sia che si tratti dei dati interni dell’azienda stessa, sia che si tratti dei dati di riconoscimento di clienti e cittadini -nei casi che si riferiscono ad aziende di tipo pubblico o della pubblica amministrazione-.

I dati personali dunque, nell’acquisizione e nell’elaborazione -nonché trattamento a norma di legge e protezione- sono in genere fondamentali per un’azienda o per un’impresa per poter operare perché, volente o nolente, un’attività ha sempre un comparto che necessita dell’interazione col pubblico e con l’archiviazione di dati sensibili spesso necessari anche ad assicurare il servizio stesso.

D.P.O. ed Efficacia: l’Organizzazione con la Tecnologia

Oggi la tecnologia e la gestione di magazzini digitali di informazione come i database, giocano un ruolo chiave per fare in modo da gestire lo stoccaggio -in versione digitalizzata- dei dati sensibili di un’azienda e della sua clientela: questi dati però ovviamente vanno trattati secondo alcune regole sia di acquisizione che di protezione nel lungo termine.

Una fuga di dati, infatti, è assolutamente da evitare, soprattutto se si parla di informazioni sensibili e legate alla privacy degli individui per cui esistono specifiche regolamentazioni nel diritto: buona norma comunque è, secondo il GDPR, quella di imparare a gestire i dati personali in maniera tale che da un lato vengano opportunamente protetti, mentre dall’altro che possano essere trattati dall’azienda o dai partner aziendali al fine di erogare il proprio servizio -sia a livello nazionale che sovranazionale-.

Il D.P.O dunque ha il doppio compito di fornire una consulenza specifica al direttore dell’azienda sull’acquisizione e sul trattamento dei dati personali dei clienti, e allo stesso tempo di gestire in maniera legale la vigilanza sulla protezione di questi ultimi; infine, un altro compito di questa figura professionale è quella di raccogliere eventuali segnalazioni facendo in modo da funzionare come mediatore tra la parte lesa -i cui dati non sono stati protetti- e l’azienda di riferimento per cui presta servizio.

Il Data Protection Officer deve avere una chiara visione non solo della proprie competenze – per gestirle al meglio- ma per fare in modo che la sua consulenza sia efficace, deve opportunamente studiare una panoramica di valutazione di rischio in merito al trattamento dei dati: deve dunque essere reso partecipe delle attività organizzative dell’azienda, del comparto che gestisce il business e il marketing, gestendole con le sue conoscenze informatiche e legali.

L’Efficacia del D.P.O: Come Operano Questi Professionisti

Il D.P.O. spesso, non è un’unica figura professionale: egli deve infatti incarnare una serie di conoscenze multidisciplinari che spesso, all’interno di un’azienda, vengono saturate da un vero e proprio team strutturato di esperti – e questo capita soprattutto quando l’impresa è molto grande e si occupa della gestione di tanti clienti e di tanti dipendenti-.

Questo può capitare nello scenario di città particolarmente sviluppate dal punto di vista imprenditoriale come Torino, per la quale l’ azienda per la sicurezza sul lavoro Net Srl si occupa anche del supporto sindacale legato alla sicurezza sul lavoro.

Un Data Protection Officer deve essere conoscenza dunque dei rischi specifici in cui possono incorrere aziende e clienti con il trattamento dei dati personali: proprio per questo per organizzare il D.O.P in maniera efficace è meglio avere bene in mente una panoramica a 360 gradi degli eventuali fattori di rischio e delle possibili risoluzioni correlate.

Da una fuga di informazioni, a un hackeraggio informatico, sono molti gli scenari pericolosi che possono presentarsi come delle vere e proprie situazioni di emergenza agli occhi di un’azienda: per questo è bene che ci siano più persone che sappiano attingere alle proprie conoscenze in base alle valutazioni rischio che possano gestire l’imprevisto sia dal punto di vista teorico che dal punto di vista pratico.

In questo caso dunque, per avere una gestione efficace del comparto di lavoro del Data Protection Officer sarebbe bene affidarsi alle conoscenze di un ingegnere informatico, di un avvocato esperto di norme sulla tutela della privacy e di altri esperti del diritto, che sappiano operare in assoluta sincronia e nei tempi più rapidi per la risoluzione del problema.

Prevenzione Incidenti nei Cantieri: Nuove Tecniche

La sicurezza nei cantieri è una vera e propria prerogativa per rendere il lavoro dei dipendenti sicuro: si sa che, quando si parla di impresa di tipo edilizio -e non-, sono molti gli aspetti da attenzionare in termini di sicurezza perché questa va a contribuire non solo al benessere della salute del personale e di tutti coloro che vi operano, ma anche a minimizzare le possibilità di incidente che potrebbero avere in impatto fatale sull’incolumità degli addetti ai lavori.

Secondo le normative vigenti, ogni volta che si intende mettere in funzione un cantiere in vista di un lavoro edilizio ci sono delle regole di base da rispettare per poter prendere tutte le precauzioni necessarie in merito: in questo caso è necessario dunque fare in modo che vengano predisposti i cosiddetti piani generali di sicurezza che possano analizzare tutti i potenziali rischi legati alle attività di cantiere.

Questi ultimi infatti vanno valutati in base alle stime effettive che vengono fatte sul luogo in cui dovrà sorgere il cantiere: all’interno delle valutazioni di rischio infatti vanno inserite le stime relative alle potenziali pericolosità derivanti dal sito in questione e dichiarare anche chi saranno i responsabili di sicurezza del cantiere; saranno proprio questi ultimi a doversi assumere la responsabilità di elaborare misure preventive adeguate e soprattutto di fare in modo che queste vengano rispettate durante tutto il corso delle attività di lavoro.

Non dimentichiamo poi la determinante figura del medico competente che seguirà lo stato di salute degli addetti ai lavori e che sarà in grado di operare tempestivamente nel caso in cui qualcosa dovesse andare storto in itinere.

Incidenti In Cantiere: Prepararsi al Peggio

Prima di predisporre la realizzazione di un cantiere, è necessario avvalersi dell’ausilio di figure competenti che possano aiutare a valutare tutti i possibili rischi in fase di coordinazione non solo della progettazione previa alla sua realizzazione, ma che segua anche, passo dopo passo, la messa in sicurezza del cantiere stesso prima ancora di permettere ai lavoratori di poter operare.

Nella prevenzione dei possibili rischi correlati alla realizzazione di un cantiere, nel panorama torinese, Net Srl è un’azienda che si occupa di valutazione di rischi e coadiuva i direttori dei lavori a determinare i fattori di pericolosità dei vari progetti.

In questo caso l’azienda competente si occupa non solo di stilare i piani generali di sicurezza ma anche di approvare i conseguenti piani operativi di sicurezza per fare in modo che quanto dichiarato nella documentazione presentata venga effettivamente attuato; proprio per questo Net Srl si occupa di effettuare sopralluoghi per valutare la reale sicurezza del cantiere e per verificare che tutte le strumentazioni di protezione e di prevenzione siano presenti e che vengano utilizzate secondo le regole.

La prima tecnica innovativa è quella di puntare tutto sulla prevenzione anche facendo in modo che lo stesso personale che opera in cantiere sia perfettamente preparato a seguire tutte le norme necessarie ma soprattutto che sia pronto ad agire in sicurezza in caso di pericolo: i lavoratori dunque devono essere sempre opportunamente formati e addestrati per tempo, in maniera tale che il cantiere risulti fin dal principio un ambiente familiare in cui sapranno esattamente come muoversi e come operare.

Prevenzione in Cantiere: Ulteriori Discriminanti

Il datore di lavoro, a seguito di un’attenta analisi svolta da chi di dovere in merito all’attività di cantiere, dovrà tra l’altro essere il primo responsabile nell’informare sempre i dipendenti su tutti i fattori di rischio e su quali saranno le strumentazioni utili da utilizzare come elementi di protezione per scongiurare, il più possibile, ogni probabilità di incidente.

Oggi la nuova frontiera per aumentare a dismisura l’efficacia e l’affidabilità delle dichiarazioni e delle valutazioni di rischio è quella di presentare dei piani generali di sicurezza e dei piani operativi di sicurezza illustrati, che permettano di rappresentare graficamente ogni fase del processo di messa in sicurezza del lavoro.

Ogni possibile rischio infatti oggi va perfettamente riportato graficamente insieme a tutti i probabili fattori d’incidente -e le relative conseguenze- per poi stilare una serie di grafici correlati volti a scongiurare eventuali fatalità riportando dunque la realizzazione di soluzioni adeguate insieme alle strumentazioni utili da utilizzare secondo le normative.

Nel farlo, oggi, è proprio la tecnologia a dare man forte alla realizzazione degli effettivi piani operativi di sicurezza facendo in modo che ogni aspetto, sia testuale che grafico, venga opportunamente giustapposto secondo le necessità contestuali della dichiarazione dei fattori di rischio del lavoro e della realizzazione del cantiere in cui quest’ultimo verrà realizzato.

Se i cantieri sono particolarmente complessi da realizzare e da gestire in termini di sicurezza -si pensi a grandi progetti di tipo edile– la presenza degli addetti di sicurezza dev’essere garantita quotidianamente e deve supervisionare costantemente il cantiere in questione, includendo dunque la progettualità di richiesta di eventuali mezzi di soccorso emergenziali come la presenza di un’ambulanza in loco.

L’Impatto Ambientale delle Aziende: Come Valutarlo

L’impatto ambientale delle aziende, in un momento in cui anche il nostro pianeta sta soffrendo fortemente delle attività imprenditoriali dell’uomo, non è da sottovalutare.

Nel corso degli anni, a seguito di studi e di dichiarazioni di esperti importanti, sono state stilate delle normative comuni che si orientano nel rispetto dell’ambiente seguendo, passo dopo passo, procedure determinanti per fare in modo che ogni attività sia sempre più sostenibile, green e che faccia in modo da abbattere le emissioni.

Per questo per ogni impresa, sia che stia per aprire, sia che stia continuando ad operare nel settore di riferimento è necessario non solo presentare un progetto che dichiari che le eventuali attività saranno condotte a norma di legge e seguendo le procedure, ma anche che l’impatto ambientale finale non superi alcuni valori di riferimento consentiti in base alle norme italiane e in base alle norme di respiro europeo.

Le imprese dunque dovrebbero essere in prima linea per valutare correttamente l’impatto della propria attività e tenersi sempre in aggiornamento sulle norme vigenti: in genere si parla di temi fondamentali quali i controlli sulle imprese di qualsiasi tipologia -anche quelle edili-, rigenerazione urbana, valutazione ambientale e alternative di energie rinnovabili e molto altro.

Valutazione dell’Impatto Ambientale e Aziende: Regole e Norme Principali

La valutazione dell’impatto ambientale delle aziende deve seguire una serie di procedure fondamentali che, però, per comodità, vengono semplificate in quattro fasi fondamentali: la prevenzione, l’integrazione, il confronto e la progettazione.

Il principale articolo sulle procedure della VAS, ossia la Valutazione Ambientale Strategica, è l’art. 10, comma 4, d.lgs. n. 152/2006 il quale determina che legalmente tale analisi va a contribuire alla cosiddetta VIA, ossia la Valutazione Impatto Aziendale per le imprese.

Si tratta di una procedura molto importante che ha l’obbligo di valutare quali possano essere, dunque, gli eventuali impatti negativi sull’ambiente dell’attività di un’impresa specifica in base all’ambito di trattazione: si pensi ad esempio all’ operatività in cui in una determinata impresa in cui vengono lavorati dei materiali potenzialmente tossici o vengono prodotte emissioni in atmosfera che potrebbero ledere fortemente alla salute dell’ambiente.

Non attenzionare le possibili conseguenze degli aspetti degenerativi che possa avere a livello di impatto ambientale l’attività di un’impresa, andrebbe a minare non solo la salute dell’ambiente ma anche quella degli uomini, rendendo sicuramente più scadente la qualità della vita solo ed esclusivamente per tutelare eventuali interessi economici.

Fare prevenzione e utilizzare tutte le precauzioni possibili per rendere le imprese sicure è necessario, e questo era già stato segnalato durante la dichiarazione e l’approvazione del Trattato di Lisbona.

A seguito di tutte le dichiarazioni e degli accordi pattuiti a livello regionale, nazionale ed europeo, dunque, è emerso che ogni progetto d’impresa, qualunque sia la finalità del lavoro svolto, dev’essere soggetto ad analisi, valutazione e approvazione da organi competenti che sono in grado di valutare i fattori di rischio ambientale pur considerando gli interessi economici dell’azienda richiedente la licenza per poter operare.

L’impronta dello Stato gioca tra l’altro un ruolo fondamentale nella preservazione dell’ambiente e del corretto mantenimento dello stile di vita sostenibile: proprio per questo anche la nostra legislazione nazionale si è pronunciata in merito; la VIA è sempre una valutazione delicata, che deve monitorare vari aspetti dell’impatto ambientale delle imprese.

Impatto Ambientale: I Processi Reali di Valutazione

Il primo step dei processi delle valutazioni impatto ambientale è la verifica di assoggettabilità ossia quella che mira a definire i probabili impatti ambientali di un’azienda nel lungo termine valutando pedissequamente la sua attività e i riscontri ambientali che ne potrebbero derivare.

Si tratta dunque della presentazione di documenti volti alla valutazione finale dell’impatto dell’impresa, la quale deve sempre avere la prerogativa di dimostrare che le proprie lavorazioni siano a norma con i valori specifici dichiarati sulla sostenibilità ambientale: proprio per questo per farlo ogni impresa ha la necessità di richiederla, nel caso dell’ambiente imprenditoriale torinese, a delle aziende di sicurezza su lavoro come Net Srl, le quali sono in grado di mediare tra gli organi di valutazione e i proprietari delle imprese, per gestire rapporti e dichiarazioni decisive per poter operare liberamente.

Nella documentazione devono essere riportate delle dichiarazioni precise sul luogo in cui l’azienda tende operare e in cui sorge: dunque bisogna fare un’effettiva analisi sull’effettivo utilizzo delle acque circostanti, dell’aria, e del suolo valutando poi come l’impresa possa impattare effettivamente sullo stato ambientale di tali elementi.

Lo screening previo dell’assoggettabilità e della certificazione di VIA, dunque sono assolutamente fondamentali per avere la sicurezza degli effettivi impatti dell’impresa promuovendo dunque un’economia imprenditoriale sostenibile con la garanzia di aver fatto qualcosa di positivo per il pianeta e soprattutto per non far degenerare il suo buono stato nel lungo termine conseguentemente all’attività dell’uomo.

La tutela ambientale e la protezione dunque sono ormai valori fondamentali e non trascurabili che hanno sancito la nuova frontiera dell’imprenditoria in Italia e in Europa in virtù di una nuova attitudine al lavoro e alla sostenibilità in un’ottica green precauzionale sicura.

Corsi di Formazione HACCP: Aggiornamenti e Novità

L’HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di gestione della sicurezza alimentare basato sulla prevenzione e il controllo dei rischi di contaminazione degli alimenti. Si tratta di un obbligo normativo per tutti gli operatori del settore alimentare, che devono garantire la salubrità dei prodotti e la tutela dei consumatori.

Per applicare correttamente il sistema HACCP, è necessario che il personale coinvolto nella produzione, trasformazione, distribuzione e somministrazione degli alimenti sia adeguatamente informato e formato sulle norme, le procedure e le buone pratiche igieniche da seguire.

In questo articolo, verrà approfondito l’argomento e le novità in merito al corso HACCP Torino, con un focus sulle opportunità offerte dall’ azienda per la sicurezza sul lavoro Net srl, società di consulenza e formazione specializzata in sicurezza sul lavoro, medicina del lavoro e ambiente, con sede a Torino.

I corsi di formazione HACCP sono rivolti a tutti i lavoratori che operano nel settore alimentare, indipendentemente dalla mansione svolta. Esistono diversi livelli di formazione, a seconda del grado di responsabilità e delle competenze richieste.

I principali corsi di formazione HACCP sono:

– Corso base HACCP: è il corso obbligatorio per tutti i lavoratori che entrano in contatto con gli alimenti, anche in modo occasionale. Ha una durata di 4 ore e fornisce le nozioni essenziali sull’igiene alimentare, i pericoli, i punti critici di controllo, le azioni correttive e le registrazioni. Al termine del corso, viene rilasciato un attestato di frequenza, che sostituisce il vecchio libretto sanitario.

– Corso avanzato HACCP: è il corso obbligatorio per i lavoratori che hanno una maggiore responsabilità nella gestione del sistema HACCP, come i responsabili di reparto, i capi cucina, i titolari di attività alimentari. Ha una durata di 8 ore e approfondisce le tematiche relative all’analisi dei rischi, alla definizione dei limiti critici, al monitoraggio, alla verifica e alla validazione del sistema HACCP. Al termine del corso, viene rilasciato un attestato di frequenza, che abilita alla funzione di addetto HACCP.

Quali sono gli aggiornamenti e le novità sui corsi di formazione HACCP?

Gli aggiornamenti e le novità sui corsi di formazione HACCP riguardano principalmente due aspetti: la modalità di erogazione e i contenuti.

Per quanto riguarda la modalità di erogazione, a seguito dell’emergenza sanitaria causata dalla pandemia di Covid-19, molti corsi di formazione HACCP sono stati trasferiti in modalità online, attraverso piattaforme di videoconferenza interattiva. Questa soluzione consente di garantire la continuità della formazione, pur rispettando le misure di distanziamento sociale e di prevenzione del contagio. Inoltre, offre ai partecipanti una maggiore flessibilità e comodità, in quanto possono seguire il corso da casa o dal luogo di lavoro, senza doversi spostare.

Per quanto riguarda i contenuti, i corsi di formazione HACCP sono stati adeguati alle nuove normative e alle nuove esigenze del mercato. Tra le principali novità, possiamo citare:

– L’introduzione del Regolamento (UE) 2017/625, che ha sostituito il precedente Regolamento (CE) 882/2004, e che disciplina i controlli ufficiali e le altre attività ufficiali effettuate per garantire l’applicazione della legislazione alimentare e delle norme in materia di salute e benessere degli animali, salute delle piante e fitofarmaci.

– L’aggiornamento delle linee guida per l’applicazione del sistema HACCP, pubblicate dalla Commissione Europea nel 2016, che forniscono indicazioni pratiche e armonizzate per l’implementazione del sistema HACCP nelle diverse tipologie di attività alimentari.

– L’integrazione del sistema HACCP con altri sistemi di gestione della qualità e della sicurezza alimentare, come la norma ISO 22000, che specifica i requisiti per un sistema di gestione della sicurezza alimentare che possa essere applicato a tutta la filiera alimentare, o la norma ISO 45001, che specifica i requisiti per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro.

Perché scegliere Net srl per i corsi di formazione HACCP?

Net srl è una società di consulenza e formazione specializzata in sicurezza sul lavoro, medicina del lavoro e ambiente, con sede a Torino. Net srl offre ai suoi clienti una vasta gamma di servizi, tra cui:

– Analisi e redazione del documento di valutazione dei rischi (DVR)
– Nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) esterno
Valutazioni del rischio aziendale, come il rumore, le vibrazioni, lo stress lavoro-correlato, l’impatto ambientale
– Redazione dei piani di emergenza ed evacuazione, dei piani operativi di sicurezza, dei piani Pimus, dei piani generali di sicurezza
e molti altri.

Tra i servizi offerti da Net srl, ci sono anche i corsi di formazione HACCP, sia di base che avanzati, sia in modalità online che in presenza. I corsi di formazione HACCP di Net srl sono:

– Accreditati dalla Regione Piemonte, con certificato n° 1017/001
– Erogati da docenti qualificati e con esperienza nel settore alimentare
– Personalizzati in base alle esigenze e alle caratteristiche dell’azienda cliente
– Aggiornati in base alle ultime normative e alle novità del mercato
– Supportati da materiali didattici, esercitazioni, test di verifica e attestati di frequenza

Scegliere Net srl per i corsi di formazione HACCP significa affidarsi a una società seria, competente e professionale, che mette al primo posto la soddisfazione e la sicurezza dei suoi clienti. Contattateci per maggiori informazioni e per richiedere un preventivo gratuito e senza impegno.

ISO 45000: Importanza per la Sicurezza sul Lavoro

La sicurezza sul lavoro è una priorità per tutte le organizzazioni che vogliono tutelare la salute e il benessere dei propri lavoratori, prevenire gli infortuni e le malattie professionali, migliorare le prestazioni e la competitività, rispettare la normativa e le aspettative delle parti interessate. Per raggiungere questi obiettivi, è fondamentale adottare un sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro (SSL) efficace e conforme agli standard internazionali.

Oggi, Net Srl vi fornirà informazioni utili in merito ad una norma molto importante nel contesto lavorativo: la norma ISO 45000

La norma ISO 45000

La norma ISO 45000 è la prima norma internazionale che specifica i requisiti per un sistema di gestione per la SSL e fornisce una guida per il suo utilizzo. La norma, pubblicata nel 2018, sostituisce lo standard OHSAS 18001, che era il riferimento più diffuso a livello mondiale per la certificazione dei sistemi di gestione per la SSL. La norma ISO 45000 si basa sul principio del miglioramento continuo e sul coinvolgimento di tutti i livelli dell’organizzazione, dalla direzione ai lavoratori, nella gestione dei rischi e delle opportunità per la SSL.

La norma ISO 45000 segue la struttura ad alto livello (HLS) comune a tutte le norme ISO per i sistemi di gestione, che facilita l’integrazione con altri standard, come la ISO 9001 per la qualità e la ISO 14001 per l’ambiente. La norma ISO 45000 è applicabile a tutti i tipi e le dimensioni di organizzazioni, indipendentemente dal settore di attività, dalla localizzazione e dal numero di dipendenti.

La norma ISO 45000 richiede all’organizzazione di:

  • stabilire una politica e degli obiettivi per la SSL, in linea con il contesto e la strategia dell’organizzazione;
  • identificare e valutare i pericoli e i rischi per la SSL, tenendo conto delle attività, dei processi, dei prodotti, dei servizi, dei lavoratori e delle altre parti interessate;
  • implementare le misure di prevenzione e protezione per eliminare o ridurre i rischi per la SSL, dando priorità al controllo alla fonte, alla progettazione sicura e alla formazione dei lavoratori;
  • monitorare e misurare le prestazioni e l’efficacia del sistema di gestione per la SSL, attraverso indicatori, audit, revisioni e feedback;
  • individuare e correggere le non conformità e le situazioni di emergenza, analizzando le cause e adottando azioni correttive e preventive;
  • promuovere la consultazione e la partecipazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti, garantendo la comunicazione, l’informazione, la formazione e la sensibilizzazione sulle questioni di SSL;
  • valutare le opportunità di miglioramento continuo del sistema di gestione per la SSL, in funzione dei cambiamenti interni ed esterni, delle esigenze e delle aspettative delle parti interessate, dei risultati e delle esperienze.

La norma ISO 45000 offre numerosi vantaggi alle organizzazioni che decidono di implementarla e certificarla, tra cui:

  • migliorare la salute e la sicurezza dei lavoratori, riducendo gli infortuni, le malattie, le assenze e i costi associati;
  • aumentare la soddisfazione, la motivazione e la produttività dei lavoratori, creando una cultura positiva e partecipativa per la SSL;
  • dimostrare il rispetto della normativa e delle buone pratiche per la SSL, evitando sanzioni, contenziosi e danni alla reputazione;
  • accrescere la fiducia e la credibilità nei confronti delle parti interessate, come clienti, fornitori, autorità, sindacati, investitori e società civile;
  • differenziarsi dalla concorrenza e accedere a nuove opportunità di mercato, partecipando a gare e appalti che richiedono la certificazione ISO 45000;
  • integrare la SSL con gli altri aspetti della gestione dell’organizzazione, come la qualità, l’ambiente, la responsabilità sociale e la governance.

La norma ISO 45000 rappresenta, quindi, uno strumento prezioso per le organizzazioni che vogliono migliorare la loro performance in materia di SSL e contribuire a creare un mondo del lavoro più sicuro e salubre.

Altre Considerazioni

Certificare il proprio sistema di gestione per la salute e la sicurezza sul lavoro secondo la norma ISO 45000 è un processo che offre riconoscimenti e vantaggi significativi. La certificazione, affidata a organizzazioni terze accreditate, conferma che il sistema di gestione è conforme agli standard internazionali e funziona in modo efficace. Questo riconoscimento non solo dimostra l’impegno dell’organizzazione verso la sicurezza dei lavoratori, ma può anche aumentare la fiducia delle parti interessate, come clienti, fornitori e investitori.

Inoltre, le certificazioni ISO 45000 possono contribuire a differenziare un’organizzazione dalla concorrenza, fornendo un vantaggio competitivo sul mercato. Molte aziende e organizzazioni, nella selezione di fornitori o partner commerciali, considerano la certificazione ISO 45000 come un requisito essenziale. Questo può aprire nuove opportunità di mercato e consentire la partecipazione a gare e appalti che richiedono standard di sicurezza specifici.

Un aspetto cruciale della norma ISO 45000 sono le valutazioni dei rischi. Attraverso una valutazione approfondita, l’organizzazione può identificare e gestire efficacemente i pericoli associati alle proprie attività, riducendo così il rischio di incidenti e migliorando la sicurezza complessiva. Questa valutazione, integrata nel sistema di gestione, fornisce una base solida per l’implementazione di misure preventive e protettive.

Nel complesso, l’adozione della norma ISO 45000 e la conseguente certificazione rappresentano un impegno concreto per garantire un ambiente di lavoro sicuro e salubre. Questo non solo beneficia la salute e il benessere dei lavoratori, ma contribuisce anche alla reputazione e al successo a lungo termine dell’organizzazione.

Gestire i Rifiuti Aziendali: Normative e Consigli

La corretta gestione dei rifiuti aziendali è un elemento importante per promuovere la sostenibilità ambientale e rispettare le normative vigenti. In questo contesto, l’azienda Net Srl  si pone come esempio virtuoso nell’adottare pratiche responsabili. Questo articolo esplorerà le normative italiane in materia di rifiuti e le strategie consigliate per la gestione sostenibile, con un focus particolare sulle emissioni in atmosfera.

Le Normative sui Rifiuti Aziendali in Italia

In Italia, l’ambito della gestione dei rifiuti aziendali è regolamentato attraverso un quadro normativo robusto e specifico, finalizzato a mitigare l’impatto ambientale e promuovere pratiche sostenibili. La Legge Quadro n. 152/2006 rappresenta un pilastro fondamentale in questo contesto, fornendo linee guida chiare per la gestione dei rifiuti.

Questa normativa definisce le responsabilità degli attori coinvolti nel ciclo di vita dei rifiuti aziendali, stabilendo obblighi e procedure per garantire una gestione responsabile. Un punto cruciale promosso dalla Legge Quadro è l’adozione della raccolta differenziata, un approccio che mira a separare i diversi tipi di rifiuti in modo da facilitarne il riciclo e ridurne l’impatto sull’ambiente.

Parallelamente, il Decreto Legislativo n. 152/2006 amplia il quadro normativo, stabilendo criteri e modalità specifiche per lo smaltimento dei rifiuti. Questo decreto fornisce dettagliate disposizioni operative che le aziende devono seguire per garantire una gestione ambientalmente sostenibile dei propri rifiuti. Esso spazia dalla corretta identificazione e classificazione dei rifiuti alla definizione di procedure per il loro trasporto, stoccaggio e smaltimento finale.

Un aspetto rilevante introdotto da queste normative è l’obbligo di redigere il Piano di Gestione Ambientale (PGA), un documento che le imprese devono elaborare per delineare le strategie adottate per la gestione dei rifiuti. Questo piano include informazioni dettagliate sulla produzione di rifiuti, sulle modalità di raccolta e smaltimento, e sulle azioni intraprese per promuovere la sostenibilità.

Servizi Net Srl e la Gestione dei Rifiuti: consapevole dell’importanza della gestione sostenibile dei rifiuti, ha adottato una serie di misure mirate. La società si impegna attivamente nella raccolta differenziata dei rifiuti, separando materiali riciclabili da quelli non riciclabili. Questo approccio contribuisce non solo a rispettare le normative vigenti, ma anche a ridurre l’impatto ambientale complessivo.

La nostra azienda fornisce diversi percorsi informativi e formative per tutte le realtà lavorative aziendali.

Riduzione delle Emissioni in Atmosfera:

Un aspetto critico della gestione ambientale è la riduzione delle emissioni in atmosfera. Le emissioni possono derivare da varie attività aziendali, come il trasporto dei rifiuti o il processo di smaltimento.

La scelta dei Servizi Net Srl di investire in soluzioni eco-friendly non solo risponde a un obbligo normativo, ma riflette anche una consapevolezza dell’importanza di ridurre l’impronta carbonica complessiva. Affrontare le emissioni in atmosfera è parte integrante di una gestione aziendale sostenibile e rappresenta un impegno tangibile nei confronti della tutela ambientale.

Strategie Consigliate per la Gestione dei Rifiuti Aziendali

  • Audit Ambientale: Effettuare audit ambientali periodici per valutare l’impatto ambientale complessivo dell’azienda e identificare aree di miglioramento.

Gli audit ambientali forniscono un quadro dettagliato delle attività aziendali, consentendo di valutare l’efficacia delle politiche ambientali attuate e di individuare potenziali aree di ottimizzazione. Questo processo non solo assicura la conformità normativa, ma anche la promozione di iniziative proattive volte a ridurre l’impronta ecologica complessiva dell’azienda. Il coinvolgimento in audit ambientali riflette l’impegno di Servizi Net Srl verso la trasparenza e la sostenibilità, fornendo una base solida per miglioramenti continui e per raggiungere gli obiettivi ambientali prefissati.

  • Formazione del Personale: Garantire che il personale sia adeguatamente formato sulla corretta gestione dei rifiuti, promuovendo la consapevolezza e l’adozione di pratiche sostenibili.
  • Riduzione dei Rifiuti alla Fonte: Implementare politiche volte a ridurre la quantità complessiva di rifiuti prodotti, ad esempio attraverso l’ottimizzazione dei processi produttivi. L’ottimizzazione dei processi produttivi non si limita alla riduzione dei rifiuti, ma può anche coinvolgere l’introduzione di materiali riciclati, la progettazione di imballaggi eco-compatibili e l’adozione di pratiche di produzione più efficienti. Net Srl è consapevole che la sostenibilità nella produzione richiede un approccio integrato che consideri l’intero ciclo di vita del prodotto, dalla progettazione alla fine del suo utilizzo.
  • Collaborazione con Fornitori Sostenibili:La promozione di pratiche sostenibili all’interno della catena di approvvigionamento è diventata un elemento chiave per le imprese impegnate nella responsabilità sociale e ambientale. In questo contesto, favorire la collaborazione con fornitori sostenibili rappresenta un pilastro fondamentale per garantire che l’intera catena di fornitura adotti principi di ecosostenibilità.

La collaborazione con fornitori sostenibili offre vantaggi economici a lungo termine, poiché l’adozione di pratiche eco-friendly spesso si traduce in efficienze operative e riduzione dei costi. Questa sinergia tra Servizi Net Srl e i propri fornitori sostenibili non solo contribuisce alla realizzazione degli obiettivi aziendali, ma si inserisce anche in una visione più ampia di sostenibilità a livello settoriale.

La gestione dei rifiuti aziendali è una componente essenziale per il progresso verso una società più sostenibile. Servizi Net Srl emerge come un esempio di impegno verso la sostenibilità ambientale, adottando pratiche consapevoli e rispettando le normative vigenti. La riduzione delle emissioni in atmosfera e la promozione della raccolta differenziata sono passi significativi verso un impatto ambientale positivo. Altri settori possono trarre ispirazione da tali iniziative, contribuendo così a un futuro più sostenibile per tutti.

Rilievi Rumore in Ambiente di Lavoro: Norme e Soluzioni

Il rumore è uno dei principali fattori di rischio per la salute e la sicurezza dei lavoratori, in quanto può provocare danni all’udito, stress, disturbi del sonno, riduzione della concentrazione e della comunicazione, aumento della pressione sanguigna e del rischio cardiovascolare. Per prevenire e ridurre il rumore negli ambienti di lavoro, è necessario seguire una serie di passaggi, che vanno dalla valutazione dei rischi alla stesura del documento di valutazione dei rischi (DVR), fino alla realizzazione di interventi tecnici e organizzativi, con il supporto sindacale e la formazione dei lavoratori.

Net Srl, vi darà linee guide in merito all’argomento in questione.

La valutazione dei Rischi in Merito al Rumore nel Posto di Lavoro

La valutazione dei rischi da rumore è un obbligo previsto dal Testo Unico sulla sicurezza sul lavoro (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.), che recepisce la direttiva europea 2003/10/CE. Essa consiste nell’analisi e nella misurazione dei livelli di esposizione al rumore dei lavoratori, tenendo conto delle caratteristiche dell’attività, delle attrezzature, dei processi, dei locali e degli orari di lavoro. La valutazione dei rischi deve essere effettuata dal datore di lavoro, con il supporto del responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP), del medico competente (MC), del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) e di eventuali consulenti esterni. La valutazione dei rischi deve essere aggiornata periodicamente o in caso di modifiche significative.

La stesura del documento di valutazione dei rischi (DVR) è la fase successiva alla valutazione dei rischi, ed è anch’essa obbligatoria per tutte le aziende con almeno un dipendente. Il DVR è un documento che riporta i risultati della valutazione dei rischi, le misure di prevenzione e protezione adottate o da adottare, il programma delle azioni di miglioramento, le procedure di attuazione, i ruoli e le responsabilità dei soggetti coinvolti. Il DVR deve essere redatto dal datore di lavoro, in collaborazione con le altre figure professionali già citate, e deve essere consultato e firmato dal RLS. Il DVR deve essere conservato in azienda e messo a disposizione degli organi di vigilanza e dei lavoratori.

La realizzazione di interventi tecnici e organizzativi è la fase operativa per ridurre il rumore negli ambienti di lavoro, in base alle indicazioni del DVR. Gli interventi tecnici possono riguardare la scelta di attrezzature e macchinari meno rumorosi, l’isolamento acustico delle fonti di rumore, l’insonorizzazione dei locali, l’installazione di barriere e schermi fonoassorbenti, l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale (DPI) come cuffie e tappi auricolari. Gli interventi organizzativi possono riguardare la rotazione dei lavoratori, la riduzione dei tempi di esposizione, la modifica degli orari e dei turni di lavoro, la formazione e l’informazione dei lavoratori sui rischi e sulle misure di prevenzione.

Il Supporto Sindacale legato alla Sicurezza sul Lavoro in Merito alla Sicurezza Lavorativa 

Il supporto sindacale legato alla Sicurezza sul Lavoro è un elemento fondamentale per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori esposti al rumore. Il sindacato ha il compito di rappresentare le esigenze e le richieste dei lavoratori, di partecipare alla valutazione dei rischi e alla stesura del DVR, di vigilare sull’attuazione degli interventi, di promuovere la formazione e la sensibilizzazione, di denunciare le eventuali violazioni e di assistere i lavoratori in caso di contenziosi o di malattie professionali. Il sindacato può inoltre stipulare contratti collettivi di lavoro che prevedano clausole specifiche sulla prevenzione e la riduzione del rumore negli ambienti di lavoro.

L’attenzione al rumore negli ambienti di lavoro è essenziale per preservare la salute e la sicurezza dei lavoratori. Tra i rischi associati al rumore sul posto di lavoro, si annoverano danni all’udito, stress, disturbi del sonno, e altri impatti sulla salute fisica e mentale dei dipendenti. È fondamentale, quindi, adottare misure preventive per ridurre tali rischi.

La valutazione dei rischi da rumore rappresenta un passo cruciale. Questo processo coinvolge l’analisi dettagliata dei livelli di esposizione al rumore, considerando vari fattori come le attività svolte, le attrezzature utilizzate e gli orari di lavoro. La valutazione deve essere condotta dal datore di lavoro, in collaborazione con figure chiave come il responsabile del servizio di prevenzione e protezione, il medico competente e il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Successivamente, la stesura del documento di valutazione dei rischi (DVR) riporta i risultati della valutazione, le misure preventive adottate e il programma di azioni di miglioramento. Questo documento obbligatorio per tutte le aziende con dipendenti deve essere aggiornato periodicamente o in caso di modifiche significative all’ambiente di lavoro.

Gli interventi tecnici e organizzativi sono la risposta pratica per ridurre il rumore sul luogo di lavoro. Questi possono includere la scelta di attrezzature meno rumorose, l’isolamento acustico, l’utilizzo di barriere fonoassorbenti e l’adozione di dispositivi di protezione individuale. Interventi organizzativi come la rotazione dei lavoratori, la modifica degli orari e la formazione contribuiscono altresì a mitigare gli effetti del rumore.

Il supporto sindacale è di fondamentale importanza per garantire il rispetto delle normative sulla sicurezza sul lavoro e promuovere condizioni lavorative sicure. I sindacati hanno un ruolo chiave nella partecipazione alla valutazione dei rischi, nella stesura del DVR e nell’assicurare l’implementazione di misure preventive. Possono anche stipulare contratti collettivi che includono clausole specifiche sulla prevenzione e riduzione del rumore.

In conclusione, affrontare il problema del rumore nei luoghi di lavoro richiede un impegno collettivo. Solo attraverso una valutazione accurata, l’implementazione di misure preventive e il supporto sindacale costante si possono garantire ambienti di lavoro sicuri e salutari per tutti i dipendenti. La salute e la sicurezza dei lavoratori esposti al rumore devono rimanere una priorità per tutte le parti coinvolte nel mondo del lavoro.

Cosa fare in caso di infortunio sul lavoro

Gli infortuni sul lavoro sono un tema fondamentale ed è necessario che tutto, all’interno di un’azienda o di un’impresa, concorra per salvaguardare la stabilità di un ambiente protetto che possa tutelare i dipendenti nello svolgimento delle proprie mansioni, prevenendo il più possibile il riscontro di incidenti di percorso che potrebbero provocare danni permanenti al lavoratore.

Si tratta di una serie di infortuni differenti tra loro che potrebbero comportare una disabilità, la degenerazione della salute fisica o, nei casi più estremi e irreversibili, la morte del soggetto.

Al fine di scongiurare tali risvolti, sono state applicate nel tempo una serie di norme volte alla salvaguardia e alla tutela dei lavoratori implementando le possibilità delle imprese di far fronte ad ogni necessità tramite lo stanziamento e l’ausilio economico da parte dello Stato: ciò significa che ogni azienda, al pari delle possibilità con le altre, è obbligata a garantire un ambiente di lavoro sicuro che permetta al dipendente di svolgere le proprie attività in totale sicurezza o a riparare con tutte le misure possibili al danno verificatosi che non è stato possibile evitare.

Tra le principali figure che non possono mai mancare all’interno di un’azienda, soprattutto nell’ambiente di imprese che svolgono attività particolarmente pericolose, dev’essere presente un medico preposto a verificare lo stato di salute del lavoratore anche in maniera tempestiva lasciando, in seguito, l’opportuna documentazione relativa alla diagnosi dell’assistito che ha avuto la necessità di avvalersi del suo parere in quanto esperto sanitario.

Infortunio sul Lavoro e le Procedure Correlate

Abbiamo opportunamente compreso, dunque, che le visite mediche sono necessarie e obbligatorie all’interno del contesto lavorativo e che gli eventi legati alla degenerazione della salute di un dipendente devono essere opportunamente segnalati all’autorità preposta alla sorveglianza di tali necessità contestuali.

In merito alla tutela del lavoratore, una volta che l’infortunio è stato opportunamente segnalato, vengono preposte una serie di valutazioni in termini di indennizzo di denaro che vengono date in valore economico in relazione all’entità del danno correlato, nonché tutta una serie di tutele derivate dalla prognosi medica che prevedono delle giornate assicurate al dipendente per riprendersi dall’alterazione fisica causata dall’infortunio.

Infine, è necessario assicurare, in ogni contesto, anche una serie di misure preventive al monitoraggio delle condizioni di salute del lavoratore, in maniera tale che quest’ultimo sia seguito nel migliore dei modi fino a quando i medici non stabiliranno che sarà possibile per lui tornare a lavoro dopo aver recuperato la condizione fisica ideale necessaria ad affrontare le attività lavorative richieste.

Le tutele previste per il lavoratore mirano ad abbracciare al 100% tutti i contesti che riguardano l’attività e anche il raggiungimento della sede stessa di lavoro, comprendendo anche i possibili danni psicologici derivati dallo svolgimento delle mansioni o dal trauma derivato a seguito di un infortunio.

Ciò significa che secondo la considerazione dei possibili fattori di rischio, i lavoratori devono consapevoli di avere a propria disposizione degli strumenti di salvaguardia forti, che comprendono non solo eventuali indennizzi ma anche un percorso riabilitativo e di osservazione costante dello stato di salute del dipendente.

Infortunio sul Lavoro: Cosa può Fare un Dipendente?

Un dipendente ha tutta la facoltà di segnalare alle autorità l’avvenuta complicanza di percorso, ma in primo luogo sarà tenuto a informare il proprio datore di lavoro soprattutto se l’accaduto ha avuto luogo durante il raggiungimento della sede lavorativa.

Se il dipendente che ha riscontrato il danno in sede, quest’ultimo ha opportuna ragione di credere che l’impresa non abbia rispettato le norme basilari relative alla tutela e alla sicurezza, ed sarebbe sua esclusiva facoltà denunciare anche il datore di lavoro stesso.

Bisogna infatti considerare che prima dell’avviamento di qualsivoglia iter lavorativo, le aziende sono tenute a presentare un DVR, ossia un Documento di Valutazione dei Rischi che potrebbero coinvolgere il lavoratore nello svolgimento delle attività previste, del quale bisognerà richiedere l’approvazione da parte delle autorità competenti.

Una volta che il DVR è stato approvato, l’azienda deve attenersi a quest’ultimo nel rispetto delle norme di sicurezza che mirino alla tutela degli addetti ai lavori e il datore di lavoro, il quale ha concorso alla sua stesura, deve prendersi la responsabilità che tutto venga eseguito secondo le regole riportate all’interno del documento attraverso il quale dovrà assicurare obbligatoriamente la presenza di un medico e di un titolare che rappresenti la sicurezza anche a solo scopo preventivo e consultivo.

All’interno dell’ambiente torinese sono molte le realtà che hanno bisogno di assicurarsi un DVR completo di tutte le componenti per assicurarsi che la propria impresa a Torino possa svolgere le proprie attività in sicurezza tutelando anche i dipendenti.

Per questo motivo realtà come l’agenzia sicurezza sul lavoro Net Srl assicurano ad ogni azienda la possibilità di avvalersi dei suoi servizi a fine consultivo per collaudare al meglio i legami con i responsabili della vigilanza e della sicurezza per la redazione di un programma completo e accurato che comprende tutte le valutazioni di rischio e gli strumenti di tutela annessi ai potenziali danni riscontrabili da un evento pericoloso e fortuito.